giovedì 24 MAGGIO 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

L'Inferno di Dante al Museo del Sottosuolo di Napoli

Inferno DanteBasato sulla prima Cantica dell'Opera del Sommo Poeta, Dante Alighieri, l’Inferno di Dante racconta il suo percorso tra i dieci cerchi degli inferi alla ricerca dell'Amore. Un susseguirsi di incontri con i personaggi straordinari del regno delle anime dannate.

Sabato 22 ottobre l'Inferno di Dante torna al Museo del Sottosuolo di Napoli. Lo scopo dell'evento è incrementare il coinvolgimento dello spettatore. La manifestazione è prodotta dalla Tappeto Volante. Tappeto Volante è una società che si basa sulla creazione, gestione, progettazione, produzione, organizzazione di grandi eventi di natura artistica e culturale. Oggigiorno risulta essere una di quelle associazioni teatrali che si dedicano totalmente al mondo dello spettacolo e ai suoi servizi come la segreteria organizzativa, l’ufficio stampa, e la comunicazione a livello locale, nazionale ed internazionale. L’Inferno di Dante si sviluppa in tre sale differenti del Museo, sotto piazza Cavour, nel cuore della città partenopea. Gli interpreti che rappresentano i vari personaggi sono:Monica Caruso; Mario Guadagno; Anna Epidio; Emilio Caruso; Maria Giusy Bucciante, Giancarlo Grosso; Diletta Acanfora; Federica Cannavo; Salvatore Mazza; Enzo Varone; Ciro Zingaro; Francesco Merlino; Rodolfo Medina; Il Genere Umano. La colonna sonora originale è di Enzo Gragnaniello; la coreografia è affidata a Monica Caruso; Federica Amato si occupa di Costumi; le maschere sono affidate a Luca Arcamone e gli effetti speciali sono creati da Franco Polichetti. Ogni venerdì, sabato, e domenica al Museo del Sottosuolo di Napoli si trova la visita guidata del munaciello che accompagnerà i visitatori alla scoperta delle meraviglie. Il munaciello, dice la leggenda, non è altro che uno spiritello piccolo e deforme che si aggira tra gli antichi palazzi di Napoli. Inoltre ha una duplice identità: cortese con qualcuno e irritante con altri. In “Leggende napoletane” tratto dalla penna della scrittrice Matilde Serao, il munaciello viene raccontato come il figlio di un amore malriuscito tra persone di ceti sociali completamente disparati. Ecco che la creatura nascente e deforme veniva allontanata dal popolo convinto che portasse sfortuna. Un’altra ipotesi raffigura il munaciello a fare il pozzaro, un mestiere accostato ad una figura vendicativa. L’ultima terza congettura prevede che lo spiritello raffiguri un demone. Quindi le leggende in merito sono tante:l’unica cosa certa che si sa è che il munaciello è buono ed è amato dai visitatori del posto.

L'Autore
Alessio Bocchetti
Author: Alessio Bocchetti
Giornalista pubblicista, collabora con Napoliclick e Napoli Città Solidale. Per il quotidiano Roma scrive di cronaca e segue le partite dell’Afro-Napoli United. È appassionato di cinema e calcio. Nel tempo libero si diletta a scrivere poesie sempre quando c’è di mezzo l’ispirazione.

Articoli correlati

napolicittasolidale

Fotogallery

il poggio

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
MANNHEROMANN@HERO, gli eroi di Star Wars al MANNAl Museo Archeologico Nazionale di Napoli arrivano le...
carlos munozNuovi voli diretti da Napoli:...Non solo Torino, da poco non più servita da Alitalia, ma...
napoli città libro autoriI sismografi del mare: Simone...Simone Buchholz e Friedrich Ani, due dei più grandi...
PeoplePEOPLE, un universo tutto da scoprirePEOPLE la personale di di Mimmo Ramires, a cura di Paola...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
amicar 500