giovedì 15 APRILE 2021
blank
 
chi siamo 
contatti

I desaparecidos raccontati da Bendetti

pedro e il capitanoVoce e corpo ai desaparecidos. Dal 28 al 30 marzo il Teatro Libero di Palermo presenta Pedro e il Capitano di Mario Benedetti, in scena al Teatro Galleria Toledo, in via Concezione a Montecalvario, 34.

La pièce parla della pandemia che colpì il l’America meridionale nel decennio tra il 1970 e il 1980: l’Uruguay dei militari, l’Argentina dei desaparecidos, il Cile di Pinochet. Regia e costumi Lia Chiappara con Santi Cicardo e Matteo Contino, luci Gianfranco Mancuso, musiche Antonio Guida. Nel 1979 Mario Benedetti – poeta, critico teatrale e drammaturgo uruguaiano –decise di dare voce e corpo ad uno dei temi più delicati e attuali dell’America Latina contemporanea, quello dei desaparecidos.
Una scena fortemente evocativa - dove riecheggiano immagini di terra, polvere, lotta -  ed un uomo immobile dietro ad una scrivania su cui è poggiato un registratore. Un senso di attesa che viene rotto dall’entrata di un altro uomo, incappucciato, che si immagina spinto da qualcuno rimasto nell’ombra. È evidente che lo hanno picchiato, fatica a riprendere e a mantenere la posizione eretta, l’uomo seduto dietro la scrivania perde la sua immobilità, si avvicina al giovane incappucciato e da quel momento in poi per tutta la pièce si stabilirà tra loro una relazione fatta di contrasti, dissonanze, inviti, tentativi di sopraffazione, fughe, ricordi, intuizioni e non detti la cui caratteristica sarà la dominanza della parola.

Un lungo dialogo, questo tra Pedro e il Capitano, in cui i due si racconteranno controvoglia e attraverso la parola cercheranno la via d’uscita a situazioni di stallo emotivo o la via di entrata nel mondo apparentemente inaccessibile dell’altro. Una lotta dialettica dove ogni cliché verrà scardinato, ogni idea preconcetta  attraverserà la prova della sofferenza fisica e mentale e li lascerà uno di fronte all’altro, senza più maschere, ruoli, protezioni, né vittime né carnefici,  ma semplicemente uomini, entrambi, e non sarà possibile giudicare uno migliore dell’altro perché entrambi dimostreranno di essere fatti di luce ed ombra, in una mescolanza cangiante in cui il bianco e il nero si sono amalgamati fino a perdersi.
“La verità è che le crepe non mancano” – ci ricorda il poeta in uno dei suoi componimenti – “tutte però sono sanabili…c’è una sola crepa decisamente profonda ed è quella che sta a metà tra la meraviglia dell’uomo e i disillusionatori; è ancora possibile saltare da un bordo all’altro ma attenzione qui ci siamo tutti, voi e noi, … signore e signori, a scegliere da che parte poggiare il piede.”

Orario spettacoli: venerdì 28 marzo serale ore 21, sabato 29 marzo mattinata ore 10, sabato 29 marzo serale ore 21, domenica 30 marzo pomeridiana ore 18.

Biglietti: mattinate 10 euro, sabato e domenica intero 20  euro, ridotto unico 15 euro.

Info e prenotazioni: tel. 081.425037, galleria.toledo@iol.it - www.galleriatoledo.org

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
libro per amicoUn libro per amico, consegna...Verranno donati agli ammalati, ancora più soli in questi...
Come cambia la culturaDialoghi sul futuro. Come cambia la...“Dialoghi sul futuro -Come cambia la cultura: i musei e...
The Real Housewives di Napoli, in...Dopo una sorprendente prima stagione arrivano le nuove...
Di PietrantonioAdotta uno scrittore arriva in CampaniaSaranno Diego De Silva e Tiziana Triana ad aprire in...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
Agendo 2021 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500