venerdì 19 OTTOBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

I desaparecidos raccontati da Bendetti

pedro e il capitanoVoce e corpo ai desaparecidos. Dal 28 al 30 marzo il Teatro Libero di Palermo presenta Pedro e il Capitano di Mario Benedetti, in scena al Teatro Galleria Toledo, in via Concezione a Montecalvario, 34.

La pièce parla della pandemia che colpì il l’America meridionale nel decennio tra il 1970 e il 1980: l’Uruguay dei militari, l’Argentina dei desaparecidos, il Cile di Pinochet. Regia e costumi Lia Chiappara con Santi Cicardo e Matteo Contino, luci Gianfranco Mancuso, musiche Antonio Guida. Nel 1979 Mario Benedetti – poeta, critico teatrale e drammaturgo uruguaiano –decise di dare voce e corpo ad uno dei temi più delicati e attuali dell’America Latina contemporanea, quello dei desaparecidos.
Una scena fortemente evocativa - dove riecheggiano immagini di terra, polvere, lotta -  ed un uomo immobile dietro ad una scrivania su cui è poggiato un registratore. Un senso di attesa che viene rotto dall’entrata di un altro uomo, incappucciato, che si immagina spinto da qualcuno rimasto nell’ombra. È evidente che lo hanno picchiato, fatica a riprendere e a mantenere la posizione eretta, l’uomo seduto dietro la scrivania perde la sua immobilità, si avvicina al giovane incappucciato e da quel momento in poi per tutta la pièce si stabilirà tra loro una relazione fatta di contrasti, dissonanze, inviti, tentativi di sopraffazione, fughe, ricordi, intuizioni e non detti la cui caratteristica sarà la dominanza della parola.

Un lungo dialogo, questo tra Pedro e il Capitano, in cui i due si racconteranno controvoglia e attraverso la parola cercheranno la via d’uscita a situazioni di stallo emotivo o la via di entrata nel mondo apparentemente inaccessibile dell’altro. Una lotta dialettica dove ogni cliché verrà scardinato, ogni idea preconcetta  attraverserà la prova della sofferenza fisica e mentale e li lascerà uno di fronte all’altro, senza più maschere, ruoli, protezioni, né vittime né carnefici,  ma semplicemente uomini, entrambi, e non sarà possibile giudicare uno migliore dell’altro perché entrambi dimostreranno di essere fatti di luce ed ombra, in una mescolanza cangiante in cui il bianco e il nero si sono amalgamati fino a perdersi.
“La verità è che le crepe non mancano” – ci ricorda il poeta in uno dei suoi componimenti – “tutte però sono sanabili…c’è una sola crepa decisamente profonda ed è quella che sta a metà tra la meraviglia dell’uomo e i disillusionatori; è ancora possibile saltare da un bordo all’altro ma attenzione qui ci siamo tutti, voi e noi, … signore e signori, a scegliere da che parte poggiare il piede.”

Orario spettacoli: venerdì 28 marzo serale ore 21, sabato 29 marzo mattinata ore 10, sabato 29 marzo serale ore 21, domenica 30 marzo pomeridiana ore 18.

Biglietti: mattinate 10 euro, sabato e domenica intero 20  euro, ridotto unico 15 euro.

Info e prenotazioni: tel. 081.425037, galleria.toledo@iol.it - www.galleriatoledo.org

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
HamsikIl viaggio dei tre punti a UdineRitorna la Serie A dopo la sosta per l’impegno delle...
intrecci“Intrecci d’autore” nati dall’unione...L’idea nasce in un pomeriggio d’estate: favorire la...
tempoVivere il nostro tempo tra...Il tempo scandisce le vite di tutti noi e la nostra vita...
PYLeDuc setting upAndare avanti sino al «via!»Per la prima volta in assoluto Andare avanti sino al...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500