martedì 11 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Festival di formazione e teatro sociale

Quartieri di vita“Che sia l’ultimo compleanno di guerra” aprirà la terza stagione di “Quartieri di vita”, il festival di formazione e teatro sociale di Ruggero Cappuccio realizzato col sostegno della Regione Campania dalla Fondazione Campania dei Festival, presieduta da Alessandro Barbano. Lo spettacolo, del regista Nicola Laieta, trae ispirazione da “Morso di Luna Nuova” e “Il Giorno prima della Felicità” di Erri De Luca, entrambi ambientati nella Napoli del Novecento.

Il laboratorio teatrale del progetto, realizzato dalle associazioni Maestri di Strada Onlus e Trerrote, ha coinvolto giovani e adolescenti della periferia orientale di Napoli e studenti universitari; con l’universo dell’autore napoletano e i suoi personaggi sullo sfondo, i ragazzi porteranno in scena le storie degli scampati alla “guerra della vita”.  Valore aggiunto ai testi dello scrittore, le testimonianze di napoletani durante la Seconda Guerra Mondiale raccolte da Gabriella Gribaudi in “Guerra Totale”. Il lavoro, spiega Laieta, parte da una riflessione: “Parlare della guerra che hanno vissuto i nostri nonni, della perdita di tutto a causa delle bombe e della follia di un dittatore, fregandosene e approfittandosi del male che si viveva, può aiutare i ragazzi a capire la storia? Si può apprendere la storia attraverso uno spettacolo? Si può partire dalle proprie tragedie personali per comprendere quelle degli altri?”. La realtà raccontata dallo spettacolo, che parte con una storia vista dal basso e narrata dagli abitanti di un condominio, sarà una sperimentazione di rinarrazione e un’esperienza di immersione in un passato di odio e discriminazione, in una situazione che sembra riaffacciarsi nel presente con l’avanzare delle Destre in Europa. “Lo spettacolo – continua Laieta - nasce tra l'incontro/scontro tra l'identità dei personaggi della Storia con le storie di Erri De Luca. Qui, i ragazzi si conoscono più a fondo e confessano segretamente il loro desidero di grandezza, di eroismo, di pienezza che la società odierna gli nega perché è qualcosa di non manipolabile e influenzabile. In questo spazio, l’Io è tutto e niente, è inafferrabile, è vivo”.

Lo spettacolo andrà in scena martedì 4 dicembre, alle 20.30, nella Sala Assoli di Napoli. E’ possibile acquistare il biglietto sul posto, così come sarà per le altre iniziative, al costo di 3 euro a partire da un’ora prima dell’inizio. In alternativa, si può prenotare online sul sito  fondazionecampaniadeifestival.it.

Per informazioni, tel. INFO 081 18199179 oppure info@fondazionecampaniadeifestival.it.

Il ricavato dell’iniziativa sarà devoluto a sostegno dell’ospedale Pascale di Napoli.

(Nico Falco)

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
musicantiNuove date per MusicantiStanding ovation per il debutto nazionale...
Maria Luisa Acquaviva. Xilografie 19602018Arriva a Napoli Maria Luisa...Arriva al Pan “Maria Luisa Acquaviva. Xilografie...
veleno del teatro“Il veleno del teatro”, sul palco le...Manuele Morgese e Salvatore Della Villa. Uno rappresenta...
napoli panoramaA Natale, ritorna “Mercato Meraviglia”Ritorna l’immancabile appuntamento natalizio nella...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500