giovedì 25 APRILE 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

Al Teatro Mercandante è in scena Il Penitente: un dramma moderno che parla di giustizia sommaria

Il penitenteIl dilemma fra etica professionale e morale è alla base dello spettacolo Il Penitente, tragedia moderna di David Mamet, in scena al Teatro Mercadante di Napoli dal 6 al 17 febbraio, con la regia di Luca Barbareschi.

Un affermato psichiatra si rifiuta di testimoniare in tribunale a favore di un paziente accusato di avere compiuto una strage. Tale decisione scatenerà una serie di eventi che lo trascinerà nel baratro della gogna mediatica e della riprovazione pubblica, in un vortice infernale inevitabile diretto verso un finale a sorpresa. Il testo teatrale, ultima opera del drammaturgo statunitense, premio Pulitzer per “Glengarry Glen Ross”, è una fotografia inquietante e vera di un mondo volubile in cui regna la giustizia sommaria, in cui è un pubblico volubile e ignorante, assoggettato da una stampa che cerca sempre la sensazione, a decidere chi è colpevole e chi innocente.

«Ho scelto questo lavoro di Mamet – spiega il regista Luca Barbareschi – perché è una lucida analisi del rapporto alterato tra comunicazione, spiritualità e giustizia nella società contemporanea. ‘Il penitente’ è la vittima dell’inquisizione operata dai media. È ciò che accade all’individuo quando viene attaccato dalla società nella quale vive ed opera, quando la giustizia crea discriminazione per avvalorare una tesi utilizzando a questo fine l’appartenenza religiosa.

A cosa può servire – conclude il regista – rivendicare la ragione se, come dice Mamet, ciò significa isolarsi, uscire dal coro ed essere puniti per questo? In una storia, chi sfida la menzogna e difende la verità è in genere l’eroe della vicenda, è l’uomo buono. Ma qui uomo buono è definizione ironica, sarcastica. La società reclama il sacrificio di ogni integrità. Tutto è sottosopra sembra dire Mamet, e l’assenza di etica governa un mondo capovolto».

IL PENITENTE di David Mamet

con Lunetta Savino, Luca Barbareschi, Massimo Reale. E con Duccio Camerini

Scene Tommaso Ferraresi/ Costumi Anna Coluccia/ Luci Iuraj Saleri/ Musiche Marco Zurzolo/ Suono Hubert Westkemper/ Video Claudio Cianfoni, Marco Tursi e Andrea Paolini/ Dramaturg Nicoletta Robello Bracciforti

Traduzione e regia Luca Barbareschi

Produzione Teatro Eliseo – Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia

L'Autore
Chiara Reale
Author: Chiara Reale
Project manager della rivista di arte contemporanea Racna Magazine, si occupa di promozione, strategia di comunicazione e management nel settore arte e cultura collaborando con l'Istituzione Internazionale Art1307, Villa di Donato, Casa Morra – Fondazione Morra e diversi artisti. Curatrice d'arte contemporanea e scrittrice compulsiva, collabora fra l'altro con il quotidiano “Roma”, come referente Arte Contemporanea. Dal 2012 collabora con la casa editrice Marchese editore, occupandosi di pubbliche relazioni, promozione e creazione di eventi culturali.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
PREMIO DE FELICEPremio Nazionale Ezio De Felice 2019...C'è tempo fino al 26 luglio per partecipare al bando di...
MAGGIO DEI MONUMENTI 2019Maggio dei Monumenti 2019: una...Con un omaggio ad uno dei più grandi intellettuali...
La montagna ci invita escursioni sul VesuvioLa montagna ci invita, escursioni...Torna ad Ottaviano l’evento “La montagna ci invita”,...
SHAKESPEARETutti il mondo è Palcoscenico. al...“Tutta Napoli è un palcoscenico”, verrebbe da esclamare...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500