martedì 7 LUGLIO 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Orgoglio e Pregiudizio: la versione del Teatro Festival

ORGOGLIO E PREGIUDIZIOFra le imprese più ardue del mondo teatrale c’è sicuramente quella di portare in scena un testo tratto da un noto capolavoro della letterario. Fra questi c’è anche “Orgoglio e Pregiudizio” di Jane Austen che è stato, fra l’altro, oggetto di diverse trasposizioni cinematografiche più o meno note: da quella di Joe Wright, che vedeva fra gli scenografi la grande Emma Thompson e Keira Knightley nel ruolo di Elizabeth Bennet (per cui fu candidata all’Oscar come migliore attrice protagonista), alla miniserie tv con un giovane e affascinante  Colin Firth nel ruolo di Mr Darcy.

Escludendo produzioni anglosassoni come il “Pride and Prejudice” di  Marcus Romer e con l’adattamento di Simon Reade, a tentare l’impresa in Italia è stato Arturo Cirillo che ha presentato lo spettacolo al Napoli Teatro Festival il 4 e 5 luglio 2019. Sul palco, fra i grandi specchi movibili che spostati continuamente determinano i cambi di scena, si muovono i personaggi cari agli amanti della Austen: il signore e la signora Bennet, Elizabeth e Jane, mr Darcy e  mr Bingley. In due ore si assiste alla nascita della storie d’amore fra Jane, alle frequenti crisi di nervi della signora Bennet, alle incomprensioni fra Elizabeth e Mr. Darcy. Il ritmo serrato è scandito dai dialoghi e dalle osservazioni sagaci, dalle battute ricche di spirito a cui la scrittrice inglese ci ha abituati e a cui gli attori, soprattutto una esilarante Sara Putignano nel ruolo della signora Bennet, sanno render merito. Ai “puristi” di Orgoglio e Pregiudizio susciterà qualche perplessità la scelta di eliminare alcuni personaggi “minori” (le altre tre “sciocche” sorelle Bennet e l’ambiguo Wickham, ad esempio) che minori nello svolgimento della trama non sono affatto, come sempre nelle opere della Austen, in cui ogni elemento è una rotellina di un complesso ingranaggio, indispensabile affinché tutto funzioni perfettamente. Il riassemblaggio delle parti tuttavia convince il pubblico perché, nonostante “l’infedeltà” al testo, è chiaro che lo spettacolo nasce come lettera d’amore per una delle donne e delle scrittrici senza di cui il mondo della grande letteratura non sarebbe lo stesso.

L'Autore
Chiara Reale
Author: Chiara Reale
Si occupa di promozione, strategia di comunicazione e management nel settore arte e cultura. Cura mostre di arte contemporanea ed eventi culturali.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
Buoni, biologici e sociali:..."Il vino eleva l’anima e i pensieri, e le...
Il ladro di cardelliniIl Ladro di CardelliniUna guardia forestale di un paese del sud Italia viene...
Donna TV, il canale dedicato alle... Gli appassionati di telenovelas possono sintonizzarsi...
La ragazza sulla sdraioLa ragazza sulla sdraio, un romanzo...È dedicato agli “amanti dei romanzi introspettivi”, il...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500