giovedì 27 GENNAIO 2022
blank
 
chi siamo 
contatti

C’è vita oltre lo scarto

formatoa3-1-12-2014In principio era il bricolage, oggi qualcuno lo chiama eco-design, ma la sostanza non cambia: rivoluzionare gli oggetti che ci circondano è possibile, e senza grandi investimenti.

Vi è mai capitato di utilizzare una vecchia scatola di scarpe per riporre cartoline o ago&cucito? Ecco in quel momento, vostro malgrado, avete realizzato un prodotto di eco-design: ogni oggetto ha una propria vita, finché non diviene uno scarto, ma cosa accade se decidiamo di ri-utilizzare l'oggetto messo via per un uso completamente diverso da quello per il quale era stato progettato? È questo il principio alla base dell'eco-design, (o anche design sostenibile), a metà strada tra il bricolage (bisogna saperci fare con le mani per dare nuova vita agli oggetti!), e le tematiche socio-ambientaliste, contrarie agli sprechi e pronte a vedere oltre-la-vita-delle-cose. In architettura e in arredamento l'eco-design ha trovato, negli ultimi anni, una vastissima applicazione, soprattutto rielaborato nella chiave del fai-da-te (DIY, do it yourself, dicono gli americani) che, da un lato, riduce i costi, dall'altro, aumenta il divertimento e stimola la creatività. Se ancora non vi siete mai cimentate nell’impresa, vi diamo, da architetti, qualche consiglio: prima di tutto, scegliete un ambiente dove sperimentare questo stile e il nostro consiglio è di prediligere uno spazio all'aperto, perché spesso l'eco-design prevede l'uso di piante o di materiali non trattati, più adatti a spazi esterni. Ora che avete trovato il vostro spazio (un vecchio giardinetto, un terrazzo condominiale abbandonato, un cortile dimenticato tra due edifici), scegliete i materiali con cui sperimentare: noi prediligiamo il legno (ma anche materiali come la plastica e il metallo possono riservare interessanti sorprese). Si può partire dal pallet (o bancale di legno) che può prestarsi a migliaia di usi, da divano, a scrivania, a libreria: armatevi di carta-vetro e vernici e magari lasciatevi consigliare da qualche tutorial online. Interessanti sono le proposte dei www.800x1200.it, un gruppo di giovani designer che hanno esposto al FuoriSalone di Milano 2014. Altri oggetti cui dare nuova vita? Vecchi copertoni che si trasformano in fioriere coloratissime e bottiglie di plastica che diventano vasi porta-fiori. Una scolapasta, ad esempio, può divntare un abat-jour, un orologio da muro si trasforma in tavolino, una cassapanca in poltroncina, mentre le mattonelle possono sostituire un set di sotto-bicchieri.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
AperiArtRipartono gli AperiArt al Museo CAMUn museo che non tutti conoscono, una risorsa per il...
Tra Beethoven e Mendelssohn, in...È il grande clavicembalista e direttore Ottavio Dantone...
memoria e shoahMemoria e Shoah. Lettere dai lager...La memoria si preserva anche fermo posta. “Memoria e...
chi ha paura i Virginia Woolf foto di Brunella GiolivoChi ha paura di Virginia Woolf?Torna sul palco del Bellini “Chi ha paura di Virginia...
Quale cuore metto Quale cuore metto?Noi essere umani abbiamo la capacità di complicarci la...
io speriamo che me la cavoIo speriamo che me la cavo: ecco i...È stato uno dei film simbolo degli anni Novanta. Tanti...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
Agendo 2022 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
tiSOStengo
unlibroperamico
selvanova natale 2020 banner

Tete a tete con l'architet(to)

La rubrica è dedicata a chi è in cerca di consigli e suggerimenti su come arredare casa, ristrutturarla, ma anche a coloro che hanno bisogno di indicazioni su come risolvere piccoli grandi problemi domestici, come la manutenzione degli impianti, le autorizzazioni da chiedere, i tecnici specializzati a cui rivolgersi, i negozi e i mercati dove trovare prodotti unici.
fa3 2015 banner
logo 30 anni
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500