martedì 11 DICEMBRE 2018
blank
 
chi siamo 
contatti

Come realizzare il Kokedama

189Il Kokedama è la tecnica giapponese che consente di coltivare piante …in sospensione! Esteticamente apprezzabile, è molto utile per chi ha problemi di spazio.

Il Kokedama oramai è una moda che si è rapidamente diffusa tra fiorai e serro-vivaisti: in molte vetrine potrete vedere le caratteristiche piantine “appese” e un cartello col nome di questa pratica. Ma potete realizzarla anche in Fai-da-te!

In particolare, come per i bonsai (se ne avete esperienza!), dovete costruire una piccola pallotta di terreno (in questo caso di muschio), in cui vanno inserite le radici con l’aiuto di fango e altro terriccio, arricchito con una componente argillosa e drenante. In questo modo non è necessario avere un vaso, la pallotta sta“in piedi”da sola.

Una volta che questa pallotta è stata realizzata, legatela ad un filo robusto, ad esempio un filo di nylon, e sospendete la vostra creazione nel punto che preferite. Questa tecnica si può, infatti, applicare non solo a molti tipi di piante diverse (felci, piante grasse, ciclamini, edere, piccole piante da frutto etc.), ma è particolarmente indicata per personalizzare diversi tipi di ambienti!

È molto grazioso, ad esempio, sospendere le piantine aromatiche in cucina, giusto a pochi passi dal piano cottura in modo da poterne utilizzare qualche fogliolina… semplicemente allungando una mano.

Ma anche in salotto o in uno studio, questa tecnica può dare vita a risultati di home-decor eccezionali: belli e riposanti, come sempre quando mischiamo interior design e pollice verde!

Non dimenticate che è adatta anche per ambienti piccoli e umidi, come i bagni o corridoi e disimpegni: in questi casi, farete di necessità virtù, sfruttando la presenza di umidità nell’aria per far crescere rigogliose le vostre piantine!

Hai quesiti da porre? Vuoi un consiglio su come ristrutturare il tuo appartamento?

www.formatoa3.it, info@formatoa3.it 

L'Autore
formatoa3
Author: formatoa3
Formatoa3 nasce a Londra la notte di San Patrizio del 2011 da un’idea di 3 amici architetti. l’intento del gruppo, con base a Napoli, è di costituire un laboratorio di progettualità attiva che si confronti con il contesto attraverso un’attenzione triplice alla scala ambientale | architettonica | d’arredamento.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
musicantiNuove date per MusicantiStanding ovation per il debutto nazionale...
Maria Luisa Acquaviva. Xilografie 19602018Arriva a Napoli Maria Luisa...Arriva al Pan “Maria Luisa Acquaviva. Xilografie...
veleno del teatro“Il veleno del teatro”, sul palco le...Manuele Morgese e Salvatore Della Villa. Uno rappresenta...
napoli panoramaA Natale, ritorna “Mercato Meraviglia”Ritorna l’immancabile appuntamento natalizio nella...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...

Tete a tete con l'architet(to)

La rubrica è dedicata a chi è in cerca di consigli e suggerimenti su come arredare casa, ristrutturarla, ma anche a coloro che hanno bisogno di indicazioni su come risolvere piccoli grandi problemi domestici, come la manutenzione degli impianti, le autorizzazioni da chiedere, i tecnici specializzati a cui rivolgersi, i negozi e i mercati dove trovare prodotti unici.
fa3 2015 banner
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500