lunedì 21 SETTEMBRE 2020
blank
 
chi siamo 
contatti

Madrid

madridMadrid Barcellona 10-1. Lo so che rischio il linciaggio, ma in dieci punti vi farò scoprire perché la capitale spagnola, secondo me vince la coppa della città più bella.

Madrid, capitale della Spagna non ha il mare. Diciamolo subito e questo è il difetto principale e il punto che assegno di diritto a Barcellona, per il resto Madrid ha 10 ragioni per essere una meta imperdibile.

 

 

1) La raffinatezza e la classe.
2) Lo spazio.
3) La varietà di stili e stimoli.
4) L’architettura.
5) La natura in città.
6) La Cucina.
7) l’Arte.
8) La Movida.
9) La Lingua.
10) I Mercati.

1) La Raffinatezza e la Classe. Non vedrete una carta per terra, non un palazzo “sgarrupato”, tutto sembra appena uscito da una rinfrescata. Le persone si divertono ed escono la sera in strada ma non sono sguaiate e vocianti, né verrete assaliti da venditori di milleeunasostanza stupefacente come sulla Rambla. Sembra banale, ma chi ha visto Barcellona arriva a Madrid con il pregiudizio la Spagna non sia il paese più pulito del mondo. Niente di più sbagliato, come mi raccontava un’amica che vive a Barcellona, addirittura a Capodanno, appena terminati i festeggiamenti della mezzanotte centinaia di spazzini rendono la città splendente in meno di un’ora. Madrid è assolutamente una città alto borghese, ma allo stesso tempo priva della spocchia radical chic della capitale catalana. E’ una città rilassata dove la classe non è mai ostentata. Ti accoglie subito facendoti sentire a casa.

madrid 1

2) Lo spazio, o meglio gli spazi enormi, i marciapiedi larghi, la pianta stessa della città, incrocio di assi principali e splendide piazze, sono un invito a viverla di giorno e di notte poiché ti rassicura. E’ una città dove ti orienti subito grazie alle strade ampie che la caratterizzano tagliandola orizzontalmente da nord a sud: Gran Via, Calle Mayor, Calle di Atocha e poi a ovest Calle de Balien con il palazzo Reale (la residenza ufficiale dei Reali di Spagna è un perfetto esempio di architettura barocca. Con 135.000 metri quadrati e 3.418 camere è il più grande Palazzo Reale tutta l'Europa occidentale) e a est il Paseo del Prado e il parco del Buen Retiro. All’incrocio tra le principali vie sorgono splendide piazze che distano tra loro al massimo 20 minuti. Il punto di partenza naturale  della città è considerata la “Puerta del Sol” con il suo famoso chilometro zero – la cosa curiosa è che tutte le strade in Spagna conducono a questo punto. Il chilometro zero è una piazza affollata con venditori, negozi per turisti e una zona per lo shopping che dal Sol porta alla Gran Vía. Il chilometro zero è il punto d’incontro più popolare dei madrileños. La più bella piazza, icona della città è indubbiamente Plaza Mayor, che risale al 1619 ed è un perfetto esempio di architettura del Secolo d’Oro. Di pianta rettangolare, la Plaza Mayor è completamente racchiusa da edifici di tre piani, con 237 balconi che si affacciano su di essa: cercate uno degli edifici più belli e famosi, la Casa de la Panaderia, ma sono anche imperdibili le piazze: D’Espagna, Opera, Santa Anna, Callao, ma anche sono bellissime le più piccole plaza de la Paja e il gioiello plaza de la Villa. Le piazze sono dei veri e propri salotti della città, dove fermarsi per la colazione, l’aperitivo, le tapas.

madrid 2

3) La varietà di stimoli. Madrid è suddivisa in 21 zone ed ogni zona è divisa in diversi quartieri.  Pur essendo intrecciati tra loro i distretti sono caratterizzati da una forte identità individuale, in questo Madrid ricorda Parigi, ma con un calore e un’atmosfera decisamente più mediterranea. I quartieri più belli di Madrid si collocano nel centro: Sol, Huertas, La Latina, Chueca, Malasaña e un poco più a sud il pittoresco Lavapiés e a nord il quarterie studentesco Moncloa / Argüelles. 

  • I due quartieri Sol e Huertas sono molto vicini tra loro e si sviluppano intorno a Puerta del Sol. Nella zona intorno al Sol ci sono tipici bar spagnoli e molti locali. È il cuore della città e sia i madrileños che i turisti la frequentano molto. (Metro: Sol)
  • La Latina è a sud-ovest è caratterizzato da strade strette e pittoresche, le sue piazze e bellissimi palazzi antichi. Il quartiere è riconosciuto come area gourmet della città per i suoi ottimi ristoranti specializzati in piatti tipici e tapas. In particolare si trovano a Calle de la Cava Bassa e Calle della Cava Alta e intorno a plaza de puerta de Moros. (Metro: La Latina) 
  • Lavapiés è probabilmente il quartiere più multiculturale di Madrid e profondamente influenzato dalle culture africana, araba e gitana. La piazza di Lavapiés è il centro, a sud si trovano artisti di strada e venditori. I bar preparano piatti multietnici e ci sono molti ristoranti arabi e indiani. (Metro: Lavapiés) 
  • Malasana. Addentrandoti in questo quartiere che ha un’atmosfera londinese e alternativa si trovano molti negozi di vestiti alla moda o bizzarri nonché bar, ristoranti e locali dal design molto curato. (Metro: Malasaña / Tribunal)
  • Chueca è conosciuto soprattutto per essere il quartiere gay. Durante il giorno sono aperti un sacco di bei bar e ristoranti. Il centro del quartiere è la Plaza de Chueca. Di notte il quartiere è molto vivo e la gente si riversa nelle strade davanti ai bar e ai locali. (Metro: Chueca) 
  • Madrid de las Austrias si riferisce al periodo in cui gli Asburgo risiedevano in Spagna e l’architettura di molti edifici di questo quartiere rispecchia questo periodo storico. (Metro: Opera)
  • Argüelles / Moncloa è l’area vicina alla “Ciudad Universitaria” e di notte si riempie di studenti e di festaioli. Argüelles è conosciuta soprattutto per il suo “Bajos de Argüelles” pieno di discoteche, bar e club tutti al piano terra degli edifici. (Metro: Argüelles / Moncloa) 

madrid 3

4) L’architettura. La varietà di stili architettonici nella quale si incontrano è davvero incredibile. Passeggiare per la Gran Via ed ammirare i mastodontici e ridondanti palazzi simbolo dell’Art Nuveau è come immergersi in un fumetto. Tra gli edifici più suggestivi il Metropolis, l’Hotel Atlantico, l’edificio Telefonica, l’Hotel Cibeles. Alonso Martínez, ospita un altro degli imperdibili di Madrid per amanti dell’architettura: il Palacio Longoria, sede della SGAE (Società Generale degli Autori Spagnoli), un palazzo del 1904, opera di Grases Riera, che si caratterizza per una decorazione eccessiva. Verso Antón Martín, dove si trova Cine Dorè, un palazzo in stile Art Noveau che oggigiorno ospita la sede della Filmoteca Nazionale. Tra gli elementi decorativi e architettonici che vale la pena fotografare vi sono la facciata, che risale al 1923 e la hall centrale, composta da un cortile rettangolare con balconi sormontato da un lucernario. Uno dei fiori all’occhiello della Madrid contemporanea, insignito di diversi premi di architettura: Matadero, un centro culturale sorto dalle ceneri dell’ex mattatoio della città, sulle sponde del fiume Manzanarre. Rinnovato nel 2005, è formato da un insieme di padiglioni in stile neomudejar costruito all’inizio del XX secolo da Luis Bellido. Infine a Lavapiés possiamo osservare il centro culturale de las Escuelas Pìas, costruita sullo spazio una volta occupato dal teatro Lavapiés, in cui convivono elementi riabilitati, restaurati e nuovi.

madrid 4

5) La Natura in città. Io, il parco del Buen Retiro l’ho visto a febbraio in una giornata di sole e l’ho trovato bellissimo e maestoso con i suoi ampi viali, i corsi l’acqua, lo specchio del lago artificiale di un azzurro antracite intenso su cui sembravano essere sospese le barchette a remi che si possono affittare sul posto. Anche il roseto trasmetteva un’atmosfera mistica con i rami spogli delle piante che tendono verso il cielo. Nonostante fosse inverno la bellissima casa del Cristallo e il palazzo di Velázquez erano allestiti con mostre temporanee collegate al Museo Reina Sofia. Indubbiamente il parco di Madrid è tra i primi posti tra i più bei parchi europei e in primavera, fiorito, deve essere meraviglioso.

madrid 5

6)La Cucina. Per la cucina Madrid non teme paragoni. Benché il mare non tocchi la città, ogni giorno inesauribili riserve di pesce fresco arrivano nei mercati e nelle cucine dei ristoranti. Il rapporto qualità prezzo notevolmente superiore a quello della più turistica e commerciale Barcellona. Ovviamente sempre scartando i ristoranti turistici. A questo proposito apro una parentesi che più che polemica vuole essere chiarificatrice: resto sempre allibita da amici e conoscenti che si lamentano della cucina all’estero perché pretendono di mangiare bene con dieci, quindici euro. E’ vero che noi napoletani possiamo mangiare bene spendendo poco se scegliamo pizza e bibita, ma già se scegliamo una trattoria di qualità andremo a spendere minimo 15, 20 euro e in un ristorante di buon livello (senza essere chic) almeno 30, 35 euro senza prendere dall’antipasto al dolce. Ora mi chiedo, perché poi alcune persone vanno all’estero e pensano di mangiare bene al ristorante con 15 euro? Il vantaggio di Madrid, se non volete spendere molto, è lanciarvi sulle tapas, possibilmente scegliendo tapas di qualità! Purtroppo sulla guida Lonely Planet di Madrid vengono segnalate delle “taperie” che invece sono anche ottimi ristoranti.

Ecco la mia classifica dei templi della cucina gourmet:

  • Juana La Loca tapas raffinatissime nel quartiere La Latina, tra cui la famosa Tortilla de Cebolla caramelizada  e un menù che concilia tradizione e innovazione.
  • Casa Alberto, vicino Plaza de Santa Anna, ristorante-taperia assolutamente tradizionale. Da segnalare il “rabo e toro”.
  • Vi Cool, ristorante innovativo con menù degustazione 10 e lode, sempre a Calle de la Huertas tra i piatti particolari la crema di barbabietola e pistacchio con burrata e cavolo rosso.
  • Casa Labra tradizionale taperia che propone ottimo baccalà fritto da gustare con una birra fredda sui tavolini di marmo.
  • Estado Puro, reinterpretazione originale delle tradizionali tapas dello chef Paco Roncero ( 2 stelle Michelin) con la rivisitazione della classica tortilla e ottime crocchette.
  • Imperdibili i Churros della Chocolateria San Gines. Aperto 24 ore su 24, spesso troverete comunque una fila, ma ne vale la pena.Tra i locali che non ho avuto il tempo di provare ma mi sono stati assolutamente consigliati da amici locali: c’è il ristorante più antico del mondo, il Sobrino de Botin e il ristorante giappo-spagnolo del famoso chef Chicote, Yakitoro by Alberto Chicote.

madrid 6

7)L’Arte è con la “A” maiuscola a Madrid. Ovunque ti giri respiri arte. I tre Musei principali sono di sicuro imperdibili.

  • Il Museo del Prado è senza dubbio il museo più importante di Madrid, e di tutta la Spagna, e uno dei più spettacolari d'Europa. Se volete andare a colpo sicuro, beh, non potete perdere la collezione di pittura spagnola, la migliore del mondo, con opere di Goya e Velázquez. Potreste trovare coda, specie per le mostre temporanee: è una buona idea comprare il biglietto in anticipo su internet.
  • Il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia si trova vicino al Museo del Prado, ed è il suo partner ideale: dopo una bella dose di arte rinascimentale e moderna, depuratevi con un po' di arte contemporanea. Il Museo Reina Sofia, ospitato in un ex ospedale neoclassico del XVIII secolo, la sua collezione permanente comprende molte opere di grandi artisti spagnoli del Novecento come Picasso, Dalí, Miró e molti altri.
  • Il Museo Thyssen-Bornemisza è il terzo diamante nel Triangolo dell'Arte di Madrid: la galleria mostra più di 700 pezzi provenienti dalla collezione privata della famiglia Thyssen-Bornemisza, e oltre 240 in prestito da quella di Carmen Cervera, vedova del barone Thyssen. Se amate l'impressionismo e il post-impressionismo, allora non perdete questo luogo delle meraviglie. Qui si possono ammirare opere di Manet, Renoir, Monet, Degas, Pissarro, Van Gogh, Gauguin, Cezanne e Toulouse-Lautrec.

madrid 7

8)La Movida. Cosi come ci sono tanti quartieri con identità diverse, così, esistono altrettanti modi di divertirsi adatti a tutte le età e a tutti i gustiAd esempio ci sono tantissimi teatri e anche tante sale concerto. Uno dei principali è la musica. Tante le sale concerto, molte quelle jazz come l’antichissimo Caffè Central o El Junco. Partendo dall’aperitivo nelle piazze del centro o alle taperie della Latina, per passare ai locali di Chueca per finire con i locali segreti come la discoteca Medias Puri, tre piani per tre stili musicali diversi in pieno centro e spettacoli live tutta la notte.

madrid 8

9)La Lingua. Uno dei motivi per andare a Madrid e non in Catalogna è che il castigliano lo si capisce!

madrid 9

10) I Mercati. Se siete a Madrid per il weekend, non mancate di trascorrete una bellissima domenica mattina al Mercato del Rastro, il mercato delle pulci più importante della città. Il Rastro è nato alla metà del XVIII secolo, e viene allestito settimanalmente da più di 250 anni nel quartiere di Lavapiés. Si trova un po’ di tutto, dai vestiti vintage di tutti i tipi a oggetti da collezione e antiquariato. Un altro mercato ma alimentare, da non perdere è il Mercado de San Miguel dichiarato Patrimonio Culturale per la sua struttura in ferro battuto, mantenuta dal 1919. Il mercado è in primo luogo una vetrina gastronomica dove è possibile degustare vino, prosciutto e tutti i tipi di tapas e piatti freddi, preparati in cucine a vista.

madrid 10

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Articoli correlati

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
PARMA NAPOLI 2020Pronti?Non so voi, ma io non ero pronta affatto. Quando mi...
europa galanteL'Europa Galante a Pietà de’ TurchiniUna serata dedicata alla musica a cavallo tra il XVIII...
Carolina CrescentiniMare fuori: la nuova fiction Rai...Va in onda a partire dal 23 settembre (in prima tv...
famiglia 2Quattrozampeinfiera: a Napoli la due...Al via a Napoli Quattrozampeinfiera, la “due giorni pet...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
WCT banner
il poggio
napolicittasolidale
Amicar banner 500