sabato 20 LUGLIO 2019
blank
 
chi siamo 
contatti

In viaggio con Fobia

Insetto gigante 1Si chiama entomofobia, ma può prendere le inquietanti e specifiche forme di: aracnofobia, mottefobia, ofidiofobia, apifobia, scolecifobia. Chi ha paura degli insetti rischia di portare in viaggio anche la sua fobia.

In viaggio si va per rilassarsi e divertirsi, ma come reagite se mentre state guardando il tramonto in spiaggia venite assaliti dalle zanzare? Oppure se nel bel mezzo di un trekking avventuroso all’Indiana Jones vi si attaccano le viscide sanguisughe alle gambe? O se più semplicemente se siete seduti in un romantico ristorantino all’aperto e una blatta si arrampica sul tavolo?

Sulle pagine on line di discussione sui viaggi si incontrano storie tragicomiche come quella di una signora che, assalita dalle api (per le quali prova una fobia fortissima) su una barca della costa turca, è rimasta 3 ore in ammollo fino al tramonto o quelle dei turisti aggrediti sulle bianche spiagge tropicali dalle “jejenes”, insetti piccoli e neri della sabbia anche detti “fly sable” che pungono e sembrano essere particolarmente ghiotti degli stranieri tanto che i cubani affermano: “te beca porque no te conosce” (ti becca perché non ti conosce).

Questi inconvenienti spiacevoli possono diventare veri e propri eventi traumatici per chi ha una fobia. Le fobie sono infatti paure irrazionali riconosciute come tali da chi ne soffre che tuttavia hanno comunque delle conseguenze invalidanti: spesso infatti costringono la persona ad evitare posti, luoghi, persone o tutto ciò che potrebbe comportare un incontro con il temuto essere “mostruoso”. Diverso è il caso in cui la paura sia giustificata da un reale pericolo legato a quell’insetto, come accade ad esempio per gli scorpioni mortali o per le zanzare portatrici della malaria.

Così come sono varie le tipologie umane lo sono le fobie. Innanzitutto non tutti sanno che la paura degli insetti si chiama entomofobia.

Tra le fobie più diffuse abbiamo:

Aracnofobia: la fobia dei ragni.

Mottefobia: paura delle farfalle.

Apifobia: paura delle api.  

E ancora oltre la paura degli insetti c’è la scolecifobia, paura dei vermi; la ofidiofobia, paura dei serpenti; la musofobia: paura dei topi.

2 gomantong cave

E infine c’è la mia fobia, che riguarda una “bestia” tanto orribile da non avere un nome corrispondente allo schifo che provoca, quella delle blatte. Da testimone privilegiata posso affermare che come tutti coloro hanno una fobia non riesco ad immaginare che le blatte o scarafaggi possano non fare schifo a qualche essere umano. E invece ho dovuto ben ricredermi in Borneo, quando come tour leader di viaggio ho accompagnato il mio gruppo nella Gomantong Cave Sandakan, un’enorme e bellissima caverna famosa per la nidificazione delle rondini, noncurante della guida che parlava di una passerella in legno sospesa sul “guano brulicante di scarafaggi”.Convinta che chissà per quale legge della gravità le blatte fossero attaccate al suolo ho realizzato solo nel ventre della caverna che invece gli insetti giallognoli, molto più grossi che da noi, erano in realtà ovunque: sulla passerella in legno, sulle pareti della cava come neanche la fantasia horror più spietata avrebbe potuto immaginare.Dopo aver tentato per qualche secondo di vincere la fobia (molti psicologi comportamentisti sostengono che in tre, quattro incontri riescano a far superare le fobie ai loro pazienti, io sono un po' scettica) e proseguire mi sono girata e sono corsa sulla viscida passerella fuori della grotta che ho poi scoperto essere anche definita “caverna degli scarafaggi”. Ebbene in un gruppo di 15, solo io la “coraggiosa tour leader”, sono stata l’unica a non proseguire il giro.Devo dire con orgoglio che invece, sempre in Malesia, trovarmi le sanguisughe attaccate alle gambeè stata una passeggiatarispetto all’incontro con le blatte e che staccarle è molto più semplice e immediato di ciò che si pensa leggendo le allarmanti indicazioni che danno gli esperti sul web.

Dove non andare sei hai la fobia degli insetti?

Chi ha una fobia per gli insetti e i piccoli animali selvatici in teoria dovrebbe evitare tutta la fascia tropicale del pianeta. Eppure ci sono insetti che comunque invadono anche le “civilizzate” Europa e America del Nord. Basti pensare a città come la romantica Parigi invasa dai topolini o alla famosa blatta delle Canarie che va dai 13,5 centimetri nei maschi, fino a 17,5 centimetri nelle femmine. Dall’alto della mia esperienza ho appreso che le blatte sono ovunque nel mondo e che, come si sa, sopravvivono anche alla bomba atomica. Così per gli altri animaletti “mostruosi” è impossibile stilare una mappa di paesi bannati perché bisognerebbe solo restare chiusi a casa propria o magari rintanarsi in un igloo al Polo Nord e al Polo Sud dove penseremmo che non vola una mosca. E invece no, l’Antartide ha il suo insetto: il belgica antartide è l’unico insetto endemico che vive a temperature polari e pertanto riesce a offrire un ottimo modello per comprendere le risposte alle temperature estreme e la tolleranza a congelamento, disidratazione, stress osmotico, radiazioni ultraviolette ed altre forme di stress ambientale.

insetto Stecco 3

Gli insetti più grandi del mondo

Sicuramente chi viene impressionato da esseri che assumono dimensioni diverse da quelle europee dovrebbe evitare paesi come il Costa Rica, dove ho avvistato con i miei occhi coleotteri più grandi di uccelli, il Madagascar dove vive lo scarafaggio fischiante, il più grande al mondo (non ho avuto il piacere di conoscerlo nonostante abbia visitato il Paese); l’Africa Occidentale patria dello scarabeo Golia di circa 15 centimetri, a rischio estinzione; le foreste del Sud America dove vive lo scarabeo Titano. L’insetto in assoluto più grande al mondo è il Phobaeticus serratipes, ovvero “stecco” endemico in Malesia e Singapore, che raggiunge anche i 50 cm. Chi soffre di mottefobia dovrebbe evitare Filippine, Thailandia e Malesia dove vive la farfalla cobra più grande al mondo che si contende il primato con la Ornithoptera alexandrae della Papua Nuova Guinea, ma anche zone mediterranee come le coste della Turchia o Rodi, famosa per una valle dove la concentrazione di farfalle è altissima.

Ricette dal mondo: insetti arrosto

Se a voi fanno schifo, in molti paesi del mondo gli insetti si mangiano con buona pace della Fao che li ritiene un cibo ecologico e ricco di proteine. Sono 1.400 le specie di insetti considerati commestibili e quasi cento i Paesi in cui si mangiano: ben 36 in Africa, 23 nelle Americhe, 29 in Asia e persino 11 in Europa secondo la National Geographic Society; e sono almeno 3.000 nel mondo i gruppi etnici che considerano gli insetti una risorsa alimentare tradizionale. L’usanza di mangiare insetti è più frequente ai Tropici in cui è maggiore la presenza e più facile la raccolta: si mangiano per sopravvivenza in Africa e in Amazzonia, per tradizione in Asia, ma noi stessi li mangiamo senza accorgercene: mischiati alla conserva di pomodoro. Sempre la sottoscritta ha trovato, chissà per quale punizione divina, l’oggetto della sua fobia in un piatto di un noto ristorante biologico senza spostarsi dalla sua città natale.

Seguirà, nella prossima puntata, il tema insetti, ma affrontato da un punto di vista più concreto e universale, con un focus sui rischi di venire a contatto con insetti o piccoli animali realmente pericolosi nei vari paesi del mondo e sulle precauzioni e i rimedi da adottare in viaggio.

Se volete commentare gli articoli o suggerire temi riguardante il viaggio che vi interessano scrivete a: info@napoliclick.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Autore
Alessandra del Giudice
Author: Alessandra del Giudice
Sociologa, giornalista pubblicista e appassionata di fotografia, è specializzata nel giornalismo sociale e di viaggio.

Notizie

  1. ULTIME
  2. PIU LETTE
forioleggeForioLegge, il festival letterario...L'isola verde si prepara ad ospitare tre giorni di...
Maglia Napoli 2019 2Fermenti in casa NapoliIl calciomercato è entrato nel vivo in casa Napoli: il...
bellavistaIl Mistero di Bellavista e...Apprendendo della triste notizia della scomparsa di...
scarlatti in jazzScarlattinJazz al Maschio AngioinoLa Nuova Orchestra Scarlatti diretta da Bruno Persico,...
ex-asilo-filangieri-estEx Asilo Filangieri: Libertà e...Si chiamano “abitanti” e da marzo 2012 stanno...
maurizio-de-giovanni-2I romanzi di de Giovanni al cinema e...Lo scrittore napoletano anticipa: “I Bastardi di...
skin careBotulino? No grazie. Arriva Sublime SkinNon è solo per donne e non ha controindicazioni, tranne...
crociera-con-delitto“La nostra missione è raccontare storie”Partito con i gialli e le cene con delitto, il teatro Il...
agendo 2019 banner
Prenota la tua copia inviando una e-mail a comunicazione@gescosociale.it
il poggio
napolicittasolidale
amicar 500