Lunedì, 17 Giugno 2024

Comune di Sant'Antimo, centro antiviolenza intitolato a Giulia Tramontano

È stato inaugurato oggi, martedì 21 maggio al Comune di Sant'Antimo il nuovo Centro antiviolenza intitolato a Giulia e Thiago Tramontano, uno spazio di ascolto e aiuto per tutte le donne vittime di violenza e soprusi; un luogo più accessibile e riservato rispetto agli attuali uffici, abbellito e reso più accogliente grazie all’intervento artistico della muralista Trisha Palma. Presente all'inaugurazione anche la famiglia della giovane Giulia Tramontano, il Prefetto Michele Di Bari, il Procuratore Antonietta Troncone, la dottoressa Nunzia Brancati- dirigente anticrimine PS e il consigliere del Ministro della Cultura Luciano Schifone.

L’iniziativa rientra nell'ambito de "La città invisibile" rassegna di eventi, musica, cultura e arte, finanziata da Città metropolitana di Napoli tra i progetti culturali per la definizione del Cartellone degli Eventi Metropolitani 2023-2024, che fino al 6 giugno animerà le vie del comune di Sant’Antimo. 

L’iniziativa promossa dalla Commissaria straordinaria la viceprefetta Gabriella D’Orso, insediatasi lo scorso giugno dopo lo scioglimento dell’organo consiliare, e dal suo gruppo di lavoro di sole donne composto dalle sub commissarie Maria Rosaria Picardi, Corinne Palumbo e Mariagrazia Cerciello, mira a offrire una nuova prospettiva su un territorio tristemente afflitto da vicende di cronaca, come nei casi di Giulia Tramontano e Brigida Pesacane, ma che ha un forte senso di orgoglio e appartenenza territoriale e un ricco patrimonio da valorizzare. È proprio agli orfani di Brigida Pesacane, in mattinata, è stata consegnata una borsa di studio che coprirà tutto il periodo della scuola dell'obbligo. La borsa di studio è stata donata dalla Compagnia dei Figliuoli e consegnata dalla professoressa Angela Procaccini.

Ricominciare dalla cultura, dal confronto e dalla condivisione offrendo un cartellone ricco di eventi e appuntamenti per favorire l’incontro e la socialità e per aprire uno squarcio sul lavoro dei funzionari prefettizi chiamati a risanare situazioni critiche, ma che al contempo possono fungere da collante tra le Istituzioni e territorio, favorendo processi culturali e di infrastrutturazione sociale.

“Come Città Metropolitana di Napoli abbiamo finanziato con grande convinzione e determinazione per Sant’Antimo il programma di iniziative ‘La città invisibile’, all’interno del quale si inquadra il centro antiviolenza sulle donne intitolato a Giulia Tramontano e al figlioletto che portava in grembo, Thiago, che oggi inauguriamo. E lo abbiamo fatto affinché il sacrificio di Giulia e del suo bimbo non sia vano, ma possa servire a far uscire le donne che subiscono soprusi e violenze dalle relazioni malate in cui vivono, salvando, spesso, loro la vita”. Lo ha affermato il Vicesindaco metropolitano, Giuseppe Cirillo, intervenuto quest’oggi all’inaugurazione dello spazio di ascolto e aiuto per tutte le donne che subiscono violenza e soprusi realizzato in un'area del Comune di Sant’Antimo.

Il Cav di Sant'Antimo, in via Roma 168, sarà aperto il lunedì 9-13, il martedì 9.30-12.30, il giovedì 9/14 e 15/18.

Author: Redazione

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER