Domenica, 02 Ottobre 2022

Editoriale

La Destra vince, i 5 Stelle rimontano, il PD faccia mea culpa

di Sergio D’Angelo

L’ho scritto quasi ogni giorno negli ultimi due mesi, che la vittoria della destra andava solo quantificata e che l’astensione sarebbe stata da record. Avrei preferito avere torto, invece era una previsione fin troppo facile. Condivisa da molti, almeno fra noi persone comuni, ma evidentemente non dai vertici del Pd che hanno fatto scelte incomprensibili. E così la destra stravince e, soprattutto al Sud, l’astensionismo vola. Nelle regioni meridionali va a votare un elettore su due o poco più. Nemmeno questo sorprende, in una campagna elettorale che le ha ignorate, preferendo concentrarsi su un’autonomia differenziata a misura di Nord.

A Napoli comanda l’università? Secondo Fofi e Virgilio sì, con conseguenze negative per la città

di Sergio D’Angelo

Il sasso nello stagno l’ha lanciato domenica Goffredo Fofi con un fondo sul Corriere del Mezzogiorno. Una sassata scagliata con una certa potenza per scuotere le acque stagnanti, chiedendosi quanto sia grande il «ruolo che l’università ha oggi e non da oggi, specialmente in certe città dove ha contato di più… nel sistema di potere politico che le amministra». La domanda è retorica perché secondo Fofi, per quanto siamo di fronte a un fenomeno non indagato per colpevole reticenza da parte della stessa accademia e in particolare dai sociologi, questo potere è grande. A Napoli, per esempio, con un sindaco ex rettore della Federico II e molti assessori provenienti dal mondo accademico.

Bocciati dal Ministero quattro progetti su cinque per il Pnrr dell’ente idrico campano

di Sergio D'Angelo

L’esclusione del gestore napoletano Abc provocò roventi polemiche qualche mese fa, alle quali io stesso non mi sottrassi, ma comunque non è andata meglio a quattro dei cinque progetti approvati dall’Ente idrico campano per essere sottoposti al vaglio del ministero delle Infrastrutture nell’ambito del Pnrr. Tutte salernitane le quattro aziende i cui progetti sono stati respinti. Approvato invece quello presentato da Gori.

La carica dei 60mila testimonia la fame di lavoro dei napoletani

di Sergio D’Angelo 

Nonostante lo scarso preavviso e le vacanze estive, i partecipanti al concorso del Comune dovrebbero essere circa 60mila allo scadere dei termini per la presentazione delle domande fissato a mezzanotte. Più del doppio le domande, perché molti candidati hanno scelto di concorrere per più di una delle 24 posizioni lavorative previste dal bando. Ho già scritto che non esiste risposta migliore alle critiche al Reddito di Cittadinanza perché non c’è partita, quando la scelta è fra un sussidio di importo tutto sommato modesto e un lavoro vero.

Il concorsone al Comune di Napoli deve essere trasparente

di Sergio D'Angelo

Forse non saranno i 250mila di cui parlano i giornali, ma di sicuro il numero dei partecipanti al concorso per i 1.394 posti del Comune di Napoli sarà enorme. Dopo le circa 30mila domande del concorso Asìa, un’altra dimostrazione che il Reddito di Cittadinanza non è in nessun modo concorrente col lavoro, quando il lavoro è vero, pagato e legale. E che questa testimonianza arrivi da Napoli le conferisce le stimmate del dato quasi scientifico, visto che la nostra città è quella dove è più alta la percentuale di percettori del Reddito, eppure decine di migliaia di persone aspirano a un lavoro vero.

Image

CHI SIAMO


Napoliclick è il portale cittadino di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco. Napoliclick seleziona e approfondisce opportunità ed eventi con un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina..
DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo