Domenica, 02 Ottobre 2022

Fava, ovvero la Grecia in tavola

La chiamano Fava ma non ha nulla a che fare con le nostre fave però se l’avete assaggiata non potrete più farne a meno.

Originaria di Santorini, si assaggia un po’ ovunque nelle Cicladi e sicuramente è un antipasto che nelle taverne di Paros si trova sempre.

Perciò abbiamo scelto la ricetta migliore, direttamente dal ristorante Markakis a Piso Livadi, dove questo puré di legumi gialli (simili alla cicerchia ma più piccoli) viene servito condito di cipolla caramellata, cipolline e capperi. E ovviamente un filo d’olio d’oliva.

La ricetta base prevede che si copra un quantitativo di Fava secca con acqua e si faccia cuocere con una cipolla fino a quando il legume non diventa morbido e non assorbe tutta l’acqua.

Allora si toglie dal fuoco e si frulla, servendolo poi con olio e cipolline tritate.

La signora Maria del ristorante Markakis a Paros ci ha però svelato la sua ricetta segreta: lei la Fava la fa cuocere nel brodo vegetale, non si limita a una cipolla.

Fava ovvero la Grecia in tavola 1

Ecco cosa ci dice Maria di Markakis

Per chi è sprovvisto di Fava consiglio di provare comunque con la cicerchia, viene buona lo stesso.

Qualche indicazione sugli ingredienti:

Per 4 persone

200 gr di Fava

Brodo vegetale fatto in casa

Cipolle caramellate q.b.

2 Cipolline

Capperi q.b.

Olio evo q.b.

Procedimento

Sciacquare la Fava secca sotto l’acqua corrente, metterla in una pentola con una cipolla intera e ricoprirla di brodo vegetale (se non lo avete, va bene anche il dado). Fate cuocere per 20 minuti circa. Tenderà a fare subito un po’ di schiuma che potete togliere con un cucchiaio oppure lasciare. Dopo una ventina di minuti aggiungere altro brodo e continuare a cuocere fino a quando i legumi non saranno morbidi (e quindi cotti). Aggiungere poco brodo alla volta in modo da farlo assorbire e da non essere costretti a scolare tutto.

Quando la fava sarà cotta, frullarla (o schiacciarla con la forchetta) in modo da ridurla a una purea. Servire in un piatto con cipolline tagliuzzate al centro, capperi e, se si vuole, anche cipolle caramellate, aggiungendo sempre un filo d’olio a crudo.

Ida Palisi
Author: Ida Palisi
Giornalista professionista, esperta di comunicazione sociale, dirige l’Ufficio Comunicazione Gesco. Collabora con il quotidiano Il Mattino per le pagine della Cultura.

Pin It
Image

CHI SIAMO


Napoliclick è il portale cittadino di notizie e opportunità promosso dal gruppo di imprese sociali Gesco. Napoliclick seleziona e approfondisce opportunità ed eventi con un approccio critico, attento alla sostenibilità economica, al rispetto per l’ambiente, al consumo responsabile e solidale, al benessere, alla salute, alla buona cucina..
DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER

Abilita il javascript per inviare questo modulo