Mercoledì, 19 Giugno 2024

Candelora, il ritorno della festa dei Femminielli

Un appuntamento che si ripete, come una consuetudine gioiosa, da ormai venti anni: tranne negli ultimi due anni di pandemia, l’Associazione Transessuale Napoli il 2 febbraio non ha mai saltato la Candelora di Montevergine a Mercogliano (AV).

Nella tradizione cristiana questo giorno corrisponde alla Presentazione di Gesù al Tempio, una sorta di rito che simboleggia la luce e l’uscita dalle tenebre. Un giorno che assume un significato particolare per i femminielli. “Ogni anno il 2 febbraio organizziamo la gita a Montevergine - spiega Loredana Rossi, vicepresidente dell’ATN, l’organizzazione nata a Napoli par la difesa dei diritti del mondo LGBTI – È un momento festoso, un’occasione per stare insieme e pregare la nostra Madonna, cui siamo devote”.

Ma perché la Madonna di Monte Vergine è diventata la Madonna dei “femminielli” e cosa rappresenta la Candelora?

Il motivo di questa ricorrenza, in cui si intrecciano sacro e profano, sarebbe da rintracciare in una antica leggenda legata al posto, secondo la quale il 2 febbraio 1256 a Montevergine una coppia di omosessuali fu cacciata via dal paese e mandata a morire di freddo sul monte. Furono legati a un palo, in attesa di morire. Si racconta che la Madonna li fece scendere dal palo e con il calore del suo velo impedì loro di morire assiderati.

Da allora la Madonna nera è la Madonna dei femminielli e, come tale, si festeggia in allegria, per ricordare proprio quei due femminielli protetti dalla Sacra figura, grazie alla quale poterono tornare a vivere liberi nella loro comunità. “Portiamo ogni anno i femminielli ai piedi della Madonna – conclude Loredana Rossi – In questi tempi difficili, la ricorrenza ha un significato ancora più importante perché dobbiamo unirci e pregare contro tutte le guerre”.

Alla visita al Santuario di Monte Vergine, seguono canti e balli popolari, come da tradizione. Quest’anno, dopo due anni di stop, le associazioni napoletane - tra cui anche Arcigay rappresentata da Antonello Sannino - sono tornate in questo luogo molto speciale, in cui hanno tra l’altro incontrato il sindaco di Mercogliano Vittorio D’Alessio.

Qui alcune immagini della manifestazione

Maria Nocerino
Author: Maria Nocerino
Sociologa e giornalista professionista, è specializzata nel giornalismo sociale. Ha collaborato con l’agenzia di stampa Redattore Sociale e con il quotidiano Roma per le pagine della Cronaca. Collabora con la rivista Comunicare Il Sociale.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER