Martedì, 23 Luglio 2024

Marco Cavallo a Napoli ci ricorda dei diritti dimenticati

“La mia pazzia è pensare che la pazzia sia una cosa sana”, si legge su uno dei cartoncini azzurri lasciati ieri dagli utenti dei servizi di salute mentale di Napoli ai piedi di “Marco Cavallo” a Porta Capuana. Marco Cavallo è il cavallo in legno e cartapesta blu, alto quasi 4 metri, simbolo della liberazione di tante e tanti dal manicomio, di un'idea di cura che rifiuta le istituzionalizzazioni, che riconosce, sempre e prima di tutto, le persone come protagoniste dei loro percorsi.

La scultura - realizzata nel 1973 all'interno del manicomio di Trieste allora diretto da Franco Basaglia, ispiratore della legge sulla chiusura dei manicomi – dopo avere girato l’Italia in lungo e in largo per anni, in questi giorni è ritornata a Napoli, per incontrare i mondi del lavoro sociale e educativo, le istituzioni, le cittadine e i cittadini. L’evento, in programma anche oggi, 14 giugno, è stato organizzato a pochi mesi dalla scomparsa di Franco Rotelli, protagonista e artigiano di una delle pagine più belle e dignitose della storia italiana, la Legge Basaglia e il processo che ne è seguito.

Nel corso della due giorni promossa da cooperativa sociale Dedalus, Associazione Premio Fausto Rossano, cooperativa sociale Era, CIDI Napoli, Associazione A Voce Alta, Ex-Opg Je So’ Pazzo, Marco Cavallo, tra performance musicali e artistiche, ha sfilato ieri a Napoli da Porta Capuana fino all’ex Opg di via Imbriani, per ricordare che oggi più che mai, in tempi di tagli alla spesa sociale, si rischia di disperdere il grande patrimonio costruito in questi anni e indietreggiare nella conquista di diritti fondamentali.

Guarda il servizio completo

Interviste a Andrea Morniroli (Cooperativa Dedalus), Marco Rossano (Associazione Premio Fausto Rossano), Giacomo Smarazzo (Gesco-Cooperativa Era), Raffaella Guarracino (assessora al welfare della IV Municipalità).

Maggiori informazioni e programma completo della giornata qui

Marco Cavallo a Napoli ci ricorda dei diritti dimenticati1

Author: Maria Nocerino e Donatella Alonzi

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER