Martedì, 28 Maggio 2024

Campania Romana: la nuova sezione al Mann

Apre dopo cinquant’anni un’intera area del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dedicata alla “Campania Romana” con “sculture e pitture da edifici pubblici”. Duemila metri quadri inaugurati con il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, dove sono esposte 240 opere databili tra il II secolo a.C. e il III secolo d.C. Una vera e propria summa dell’arte romana in Campania e nel Sud Italia, che copre l’area flegrea, le città vesuviane, il casertano, fino ad arrivare al basso Lazio e, a sud, ad alcuni centri della Calabria.

La sezione, curata dalla professoressa Carmela Capaldi, docente di Archeologia classica alla Federico II, comprende sculture marmoree e bronzee, rivestimenti parietali, epigrafi, elementi architettonici e di arredo che decoravano gli edifici pubblici e i monumenti funerari.

Il percorso è aperto dalle statue dei Dioscuri di Baia, che introduce alla prima parte espositiva dedicata all’area flegrea- Baia, Cuma e Pozzuoli – per passare poi ai reperti dell’area vesuviana, a partire da Pompei. La città sepolta è rappresentata da manufatti provenienti dall’area del Foro triangolare e del foro civile, mentre un focus è dedicato all’area del teatro di Ercolano , con la ricostruzione della celebre Quadriga e dell’Augusteum. Per la prima volta è esposta al pubblico la sequenza completa delle sculture e degli affreschi presenti nelle nicchie. Rappresentati anche l’area dell’antica Stabiae e di Santa Maria Capua Vetere.

Campania Romana la nuova sezione al Mann 1

“È un evento epocale restituire al museo 240 opere che facevano parte dei grandi avvenimenti della storia vesuviana ed è stato reso possibile grazie a un forte investimento, di  oltre 9 milioni di euro. Napoli torna a essere capitale dell’archeologia”, ha commentato alla presentazione il direttore del Mann Paolo Giulierini, che ha annunciato anche una nuova apertura degli spazi sotterranei, con il collegamento alla metro che porterà all’aeroporto

“Avviamo un percorso di ampliamento del Mann che porterà uno dei musei archeologici più importanti del mondo a raddoppiare la sua presenza in città,  con una nuova sede a Palazzo Fuga, per la quale ho firmato un decreto di altri 33 milioni oltre ai 100 già stanziati”, ha annunciato il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano. “Il valore della libertà, il valore dell’Occidente, lo si comprende molto bene in un luogo come questo, perché qui ci sono le origini della nostra storia. Nella civiltà greco-romana affondano le nostre radici ed è nostro compito salvaguardare e rendere fruibile a tutti questo patrimonio che ci ricorda la nostra eredità culturale”, ha concluso il ministro, che è al Mann per la terza volta in cinque mesi di mandato ministeriale, “un vero e proprio atto d’amore verso questo museo”.

Campania Romana la nuova sezione al Mann 2

Guarda il video della presentazione

Ida Palisi
Author: Ida Palisi
Giornalista professionista, esperta di comunicazione sociale, dirige l’Ufficio Comunicazione Gesco. Collabora con il Corriere del Mezzogiorno per le pagine della Cultura.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER