Giovedì, 30 Maggio 2024

La serva padrona in versione elettronica a Officine San Carlo

A Officine San Carlo va in scena una rielaborazione di “La serva padrona” di Giovanni Battista Pergolesi, riscritta in versione elettronica, in programma venerdì 19 e sabato 20aprile alle 20:30.

Firma la regia Rosario Sparno, mentre Massimiliano Sacchi e Giulio Fazio hanno curato l’elaborazione elettronica. La scenografia è di Kristina Psoni, i costumi di Giusi Giustino, il disegno luci di Simone Picardi.

Il cast vocale comprende Costanza Cutaia, che darà voce e volto a Serpina, Ignas Melnikas nelle vesti di Uberto e Renato De Simone in quelle di Vespone. 

In versione elettronica Pergolesi risplende nel dinamismo delle sue melodie, rivelando la sua modernità: Marco Palumbo al clavicembalo verrà accompagnato da Giulio Fazio al synth che, con Francesco De Simone, sarà al live electronics.

La partecipazione è gratuita prenotando al seguente link: https://bit.ly/servapadronaoff.

La serva padrona, in scena per la prima volta nel 1733 al Teatro San Bartolomeo, rappresenta il genere del comico in musica nella sua massima espressione e fioritura. Il testo di Gennaro Antonio Federico offrì a Pergolesi l'occasione di un capolavoro di equilibrio tra vivacità dialogica e proporzione formale, realismo e stilizzazione, grottesco caricaturale e sottili ombreggiature psicologiche. Il risultato fu un'operina che fece la grandezza dell'opera buffa napoletana con la realizzazione di una comicità sbrigliata ed energicamente positiva, che scatenò clamore in tutta Europa con un dibattito che coinvolse le menti più brillanti dell'epoca, da Rousseau a Diderot, da Grimm a d'Alembert allo stesso Voltaire.

«La vera Serva padrona - afferma Rosario Sparno  è l’opera buffa stessa. Nata per “servire” da intermezzo ad un’opera “padrona” (Il prigionier superbo, opera seria per la quale La serva padrona fu concepita come intermezzo comico), questa vivace e allegra opera buffa di Pergolesi ha assunto col tempo la dignità, la forza e l’autonomia di una vera e propria Opera Padrona. Quello che viviamo in scena – prosegue - è a tutti gli effetti il ménage di una coppia di innamorati che si rintuzzano, si provocano e si rincorrono in un gioco dei ruoli da destrutturare e ricostruire ogni volta. Ogni giorno. È il gioco della seduzione, il loro. Di affermazione di potere dell'uno sull’altro.” Conclude Sparno: “Serpina e Uberto sono entrambi coscienti che i ruoli non sono mai definiti e ognuno di loro può rovesciare la propria situazione in ogni istante. Anche l’originale e notissima partitura settecentesca si piega stavolta e si asservisce anch’essa ai suoni elettronici. Vespone è il Servo che assiste a questo gioco. Vi partecipa ubbidiente ma divertito perché sa che nessuna Opera Padrona d’amore, gelosia o di potere potrebbe andare in scena senza di lui, che funge da pubblico discreto e sognatore».

Author: Redazione

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER