Mercoledì, 22 Maggio 2024

Cure sempre più costose e diritto alla salute sempre più a rischio

Un amico da qualche anno in pensione mi raccontava l’altro giorno che ha dovuto chiedere un prestito p

er far operare sua moglie di cataratta. Un’operazione banale, non ti ricoverano nemmeno, ma se vuoi farla con la sanità pubblica i tempi di attesa a Napoli sono di un anno e mezzo o due.

E allora paghi, nel caso specifico 2.000 euro per occhio, quando non puoi proprio più rimandare. Paghi perché trascurare una patologia pur comune fra le persone anziane può portare a gravi conseguenze per la vista, quindi non hai alternativa. E per pagare sempre più persone sono costrette come il mio amico a fare debiti, perché nel frattempo è aumentato tutto e con lo stipendio o la pensione fai davvero fatica a vivere.

Circa il 5% di tutti i prestiti erogati nella nostra regione serve a pagare cure mediche, per una cifra media di 5.362 euro da restituire in quattro o cinque anni. Il nostro sistema sanitario nazionale che ci veniva invidiato da mezzo mondo, è ormai ridotto dalla riforma del Titolo V del 2001 a uno spezzatino, anticipando gli effetti nefasti che produrrà l'autonomia differenziata se non riusciremo a fermarla.

Viviamo quindi in un paese che per strutture e competenza potrebbe garantire teoricamente il pieno diritto alla salute a tutte e a tutti, ma lo cancella in quanto tale trasformandolo in una merce per chi la può comprare, anche facendo debiti. Non siamo ancora alla brutalità della sanità americana, ma ci stiamo avvicinando di fatto ad ampie falcate.

Sergio D'Angelo
Author: Sergio D'Angelo
Napoletano, tra i massimi esperti di politiche sociali, terzo settore e finanza etica in Italia. A lui si devono numerose battaglie per il lavoro, l’istruzione, le pari opportunità, la sanità, il welfare. Fondatore e presidente del gruppo di imprese sociali Gesco, è stato assessore comunale al welfare e commissario straordinario dell’ABC, azienda speciale per la gestione dell’acqua pubblica del Comune di Napoli. Nell’ottobre 2021 è stato eletto in consiglio comunale come capolista di Napoli Solidale. È giornalista pubblicista e opinionista del Corriere del Mezzogiorno.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER