Mercoledì, 22 Maggio 2024

Nuovo stadio a Bagnoli? De Laurentiis è sempre avanti

A luglio 2027, arriveremo via mare a Bagnoli per goderci la prima amichevole nel nuovo stadio del Napoli. Parola di Aurelio De Laurentiis.

Il presidente è sempre avanti. Noi eravamo rimasti al progetto che avrebbe dovuto presentare per la ristrutturazione del Maradona, ma lui aveva già guardato oltre e annunciato l’ennesimo stadio della sua gestione.
 
Tutti virtuali, si intende. Nel senso che poi non ne ha costruito nemmeno uno. Né ha mai tirato fuori un euro che non gli sia stato restituito per l’impianto di Fuorigrotta, che ha goduto nel frattempo di importanti interventi realizzati con denaro pubblico, non ultimo l’ammodernamento per le Universiadi del 2019.
 
In compenso, non sono mai mancati i contrasti con il Comune di Napoli. Sui tornelli, sui canoni di locazione non pagati nelle scadenze previste, per finire alla più recente controversia giudiziaria per i poco più di 12mila euro per l’impiego di 68 vigili urbani in occasione di Napoli Real Madrid, in conformità col regolamento comunale.
Per la cronaca, quella partita fece registrare un incasso di oltre 4 milioni.
Tornando all’annuncio del nuovo stadio, va dato atto a De Laurentiis di aver agito con una sincronia perfetta. Nello stesso giorno in cui si tiene la riunione su Bagnoli a Roma col governo, lui annuncia lo stadio nella stessa area. 
Zona rossa per il bradisismo, vincoli paesaggistici, la sola stazione della Linea 2 della metropolitana, tre vie d’accesso via terra del tutto insufficienti, ma soprattutto una bonifica che la città attende da decenni e che non sarà certo portata a termine nei 18 mesi di cui parlava De Laurentiis ieri.
Tutta fuffa, quindi? Solito tatticismo per avere più potere contrattuale nella trattativa per il Maradona? Lo vedremo prossimamente, tanto più che Napoli sarà capitale europea dello Sport nel 2026 e c’è poi da sciogliere il nodo per gli Europei di calcio del 2032 che l’Italia ospiterà insieme alla Turchia.
 
Nessuno però mi toglie dalla testa che qualche uccellino ha suggerito a De Laurentiis il decreto legislativo 38/2021 nel quale una società sportiva diventa il passpartout per un'operazione molto attrattiva, capace di aggregare una folta schiera di imprenditori e investitori su un’operazione che va ben oltre la semplice costruzione di uno stadio di calcio. 
Bisognerà tenere gli occhi ben aperti, i cavalli di Troia contengono sempre brutte sorprese.
 
Sergio D'Angelo
Author: Sergio D'Angelo
Napoletano, tra i massimi esperti di politiche sociali, terzo settore e finanza etica in Italia. A lui si devono numerose battaglie per il lavoro, l’istruzione, le pari opportunità, la sanità, il welfare. Fondatore e presidente del gruppo di imprese sociali Gesco, è stato assessore comunale al welfare e commissario straordinario dell’ABC, azienda speciale per la gestione dell’acqua pubblica del Comune di Napoli. Nell’ottobre 2021 è stato eletto in consiglio comunale come capolista di Napoli Solidale. È giornalista pubblicista e opinionista del Corriere del Mezzogiorno.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER