Giovedì, 25 Luglio 2024

Resistenza

Vorrei ricordare questa ricorrenza con uno dei pezzi più belli di Pier Paolo Pasolini, “La resistenza e la sua luce”, tratto da “La Religione del mio tempo”.

Nei versi struggenti del poeta c’è la pura luce dei ragazzi, di coloro che attraversarono il secondo conflitto mondiale e non smisero di sperare in un futuro migliore.

Ognuno, sia che si trovasse in villaggi sperduti, sia che partito verso il fronte sfidava il destino, conservava nel cuore quella luce. Una luce pura, intonsa, immacolata, innocente. Fatta di qualcosa che somiglia a un ideale, intrisa di giustizia e di libertà.

Quella luce aveva il potere di unire gli animi in una fratellanza commossa, quella luce era una luce di speranza in un domani diverso, migliore.

Ecco io vorrei partire da qui per celebrare il 25 aprile.

Da quella luce e da quei ragazzi.

I ragazzi del ’45, i ragazzi che combatterono una guerra feroce e reduci da una tragedia immane si riunirono nella luce, quella luce che poteva cambiare le cose. La luce di un nuovo domani.

Quant’è rimasto oggi di quella speranza, mi chiedo?

Già Pasolini negli anni Cinquanta è implacabile, parla di corruzione assorbita dalla luce e ci racconta di quei ragazzi puri, superstiti in una Roma biancheggiante che vanno nell’acre colore del mattino di un dopoguerra epico. Adolescenti non sanno cosa li aspetta. 

Non c’era luce 

nel loro futuro. Perché c’era questo 

stanco ricadere, questa oscurità”

 

Il poeta li guarda commosso e ha gli occhi pieni di lacrime per quei poveri ragazzi “a cui ogni martirio è stato inutile”: tutto ciò per cui hanno lottato si è rivelato illusorio, perché quella luce fu un sogno, soltanto un sogno… La luce era stata predata dal potere che ne aveva fatto altro.

Ieri come oggi. Si continua a celebrare il 25 aprile.

Ma senza ricordare quell’emblema di speranza, quella luce, cosa celebriamo?

Una ricorrenza svuotata dei suoi contenuti essenziali.

In un mondo asfittico, anestetizzato, reso povero di valori e ideali dalla corsa al consumo e all’acquisto chiediamoci cosa significa Resistenza, cosa vuol dire la “luce di speranza” in un futuro migliore.

Se fossero qui quei ragazzi, i ragazzi del ’45, cosa direbbero delle nostre polemiche, del gioco politico fazioso che ha preso lo spazio della luce, dell’entusiasmo e dell’ideale?

Serve meno strumentalizzazione politica e più silenzio, più rispetto della memoria di chi ha combattuto. E poi ricordare e trasmettere il senso di ciò per cui si lottava, essere in grado di trasmettere ai ragazzi di oggi quella luce.

Quella luce io la ricordo.

Era il senso di fratellanza accorata che mi trasmetteva mio zio partigiano quando mi raccontava con gli occhi pieni di lacrime la riconoscenza per quella famiglia tedesca che lo aveva salvato dagli stenti, mentre era prigioniero ad Auschwitz, portandogli di nascosto del pane e del formaggio.

Quella luce la raccoglievo negli occhi di mio padre quando mi raccontava con voce rotta di emozione le Quattro Giornate di Napoli, di cui aveva fatto parte viva e che aveva riunito tutti, donne e uomini, vecchi e bambini in un unico afflato.

Quella luce era testimonianza contro le ragioni dell’odio.

Pura luce di innocenza.

Quella luce che oggi è offuscata, corrotta, impoverita dalle ideologie.

“in questi giorni 

In cui si desta il doloroso stupore 

di sapere che tutta quella luce 

per cui vivemmo, fu soltanto un sogno

… fonte ora di solitarie vergognose lacrime.”

Chiara Tortorelli
Author: Chiara Tortorelli
Creativa pubblicitaria, editor e scrittrice, vive a Napoli dove inventa nuovi cultural life style: come presentare libri in maniera creativa e divergente, come scrivere i libri che ti piacciono davvero, come migliorare la creatività e il benessere personale con metodologie a metà strada tra stregoneria e pensiero laterale. Il suo ultimo libro è “Noi due punto zero” (Homo Scrivens 2018). Cura per Napoliclick la rubrica “La Coccinella del cuore”.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER