Giovedì, 30 Maggio 2024

Carcere di Benevento. Reinserimento come priorità

Ridurre la distanza fra detenuti e il mondo “lì fuori”: con questa finalità parte il protocollo d’intesa tra il Carcere di Benevento, la Rete “Sale della Terra” e il Garante Campano dei Detenuti. L’iniziativa nasce dalla necessità di favorire il reinserimento delle persone in misura alternativa alla detenzione e a tal fine sarà proprio la Rete Sale della Terra a porsi come ponte tra carcere e società esterna.

“Oggi siamo qui per continuare l’opera che meritoriamente abbiamo intrapreso sia con il Garante dei Detenuti, Samuele Ciambriello, sia con tutte le associazioni e gli enti di Benevento, cioè quella di rompere o, perlomeno, attenuare la separatezza tra il carcere e la società – ha dichiarato il Direttore della Casa Circondariale di Benevento, Gianfranco Marcello nel corso della Conferenza Stampa di lunedì 3 aprile presso la Casa Circondariale di Benevento - Senza la società esterna sostanzialmente il carcere perde la propria funzione: noi siamo qui per fare un servizio alla società e quindi questo impegno delle associazioni è basilare. In questo senso è davvero meritorio l’impegno pluri-decennale della Rete “Sale della Terra”, che è stata sempre vicina al carcere di Benevento e alle persone detenute. Il protocollo che oggi firmiamo è un protocollo quadro, che va da una collaborazione generale con l’istituzione ma è anche finalizzato, laddove si siano detenuti meritevoli di misura alternativa, per l’inserimento lavorativo presso la Rete Sale della Terra”. “Dal 2003 siamo attivi come Rete, prima di nascere come Consorzio – prosegue Angelo Moretti, Presidente della Rete “Sale della Terra” - per la presa in carico personalizzata delle persone in misure detentive ed in misure alternative. È giusto ricordare, infatti, che la nostra prima collaborazione avvenne grazie all’istituzione del CSSA - Centro Servizi Sociali per Adulti – diretto dalla dottoressa Marisa Bocchino, poi divenuto UEPE - Ufficio Esecuzione Penale Esterna - con cui ancora oggi ci interfacciamo stabilmente per le progettazioni personalizzate. Con questo protocollo firmiamo la continuità, l’impegno a continuare il nostro lavoro di sempre e a consolidare la nostra idea che il muro di cinta tra carcere e città debba essere il più basso possibile. Dobbiamo creare le condizioni affinché la città si prenda cura della pena, e per ogni persona che entra nel carcere la città deve pensare cosa si può fare sia per il dopo, per costruire l’inclusione sociale successivamente alla misura detentiva, sia durante la pena, prendendo in carico la persona in misure detentiva. In questo Sale della Terra c’è sempre stata e continuerà ad esserci».

Info:

www.consorziosaledellaterra.it

Author: nuovoeditore

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER