Lunedì, 20 Maggio 2024

Con Raffaello Sanzio l'arte diventa sociale al carcere di Salerno

Con l'arte del grandissimo Raffaello prende il via il primo, grande progetto di arte sociale che coinvolge i detenuti del carcere di Salerno. «Raffaello visita le carceri di Salerno» è il titolo della mostra che vede l’arazzo realizzato su cartone da Raffaello Sanzio, dal famoso arazziere belga Pieter van Aelst, esposto resso la casa circondariale “Antonio Caputo” di Salerno. L’opera, risalente alla prima metà del XVII secolo, raffigura «Ananias et Saphira» ed è di proprietà del mecenate Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona.

L’esposizione, visitabile fino al 1 ottobre 2023, darà il via ad un progetto di «Arte Sociale» che coinvolgerà 7 detenute e altrettanti detenuti (selezionati e formati), personalità istituzionali locali e nazionali, storici e critici d’arte, di musei, accademici italiani e stranieri di storia, diritto, filosofia morale, arte, architettura e design, rinomati professionisti e, poi, scuole, università, associazioni, fondazioni e musei. Il tutto con lo scopo di dimostrare che, nonostante i limiti e le restrizioni spaziali, il carcere può e deve essere un luogo di grandissima apertura mentale, spirituale e sociale.

In programma visite guidate aperte al pubblico una volta al mese, una pubblicazione (italiano-inglese) e un documentario con testimonianze e il racconto di come è nato e si è sviluppato il progetto.

Author: nuovoeditore

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER