Mercoledì, 21 Febbraio 2024

Iskra, la scintilla della pace di cui abbiamo bisogno

Un romanzo attuale e necessario per comprendere meglio il dolore di un popolo separato dall’arroganza economica e militare. Arriva in libreria (dal 16 febbraio 2024) il libro di Gloria Vocaturo edito da Castelvecchi “Iskra - Un’epica di pace nella guerra russo-ucraina”.

«Iskra è una rara scintilla di pace nel pieno del conflitto russo-ucraino – spiega l’autrice - Si ispira alla storia vera di una donna che ha deciso di dedicare la propria vita all’accoglienza dei profughi di guerra, che siano russi o ucraini. Una testimonianza che ha un valore profondo di speranza e fraternità»

Il libro verrà presentato sabato 9 marzo 2024 alle 11 a Napoli, presso la libreria IoCiSto al Vomero.

Un libro per cambiare prospettiva: russi e ucraini come fratelli

Un romanzo che contiene un messaggio universale, che deve necessariamente diventare interminabile, espandersi così tanto fino a riempire di pace i cieli di ogni guerra. Così lo spiega Gloria Vocaturo: «Avevo la necessità di far comprendere il travaglio di queste popolazioni, a cavallo tra oriente e occidente, che vivono guerre continue. E hanno solo bisogno di pace»

Vi è una piccola parte del mondo che sta divorando l’umanità, che alimenta scontri sociali e conflitti nel pianeta, i popoli non sanno come affrontare questo disastro, vengono mandati avanti verso la distruzione. Giovani fatti finire in un inferno per l’esclusiva volontà di creare nuovi confini, nuove barriere.

Il libro è ispirato a una donna, che esiste davvero: Vocaturo ha conosciuto la sua storia dai racconti di amici che si trovano sui territori di guerra. Il suo nome è Iskra e rischia ogni giorno la sua vita aprendo le porte di casa sua ai profughi - russi, come ucraini - senza alcuna differenza, perché sono tutti fratelli, non ci sono veri confini. «Iskra significa “scintilla”, rappresenta la luce di cui abbiamo tutti bisogno in questo momento – sottolinea la scrittrice – Ovvero l’unica vera religione che unisce i popoli, quella della pace e dell’amore»

Iskra si immette nel dolore di un popolo, in una fratellanza separata dall’arroganza economica e militare. Il conflitto russo-ucraino è nella matrice del romanzo, ma diventa nello stesso tempo pretesto per contestare tutte le guerre, fatte passare per azioni necessarie al raggiungimento della pace.

Il messaggio di Iskra è l’amore verso il prossimo

«Un romanzo che si distacca dalle necessità di individuare un vinto e un vincente, un assalito e un assalitore. La radice del tutto diventa la bontà umana, la solidarietà, l’amore per il prossimo» spiega Gloria Vocaturo. Così avviene la storia vera di Iskra, una contadina che vive al confine tra i due stati. La sua casa diventa dimora, rifugio, nido di protezione. Lei accoglie, assiste, guarisce corpi e anime.

Iskra diventa una missionaria della fraternità. Prova orrore per quei paesaggi formati da cadaveri; non fa distinzioni, chiama nel suo cuore tutti gli uomini, uguali figli di Dio. E chiede a se stessa di trovare la forza della speranza, di non lasciarsi sopraffare dalla paura e dalla disperazione. Iskra sa benissimo di essere una pulce dentro al caos delle bombe, non demorde si apre ama accoglie. Rende la salvezza semplice, a portata di mano, così anche la capacità di ribellarsi. 

Un romanzo che è un atto di richiamo per l’umanità, che scompiglia i dettati dei regimi, li polverizza con autentici gesti d’amore. Iskra sfida gli eserciti a mani giunte; ci starebbe a fronteggiare i carri armati gli aerei, ci starebbe con la sua sola persona. Iskra è una presenza che risuona più di una qualsiasi esplosione.

L’autrice

Gloria Vocaturo, nata a Roma, vive a Napoli da venticinque anni. Laureata in Scienze Politiche con una tesi in geo-politica. Poetessa e scrittrice, direttore editoriale per Controluna Editrice e managing editor presso Readaction Editrice. Ideatrice delle rubriche di poesia a Napoli “La Musa del Mese” e “Ci Vediamo alla Panchina”. Ha pubblicato nel giugno del 2022 il romanzo “Autobiografia di mio padre” (Castelvecchi editore).

Maria Nocerino
Author: Maria Nocerino
Sociologa e giornalista professionista, è specializzata nel giornalismo sociale. Ha collaborato con l’agenzia di stampa Redattore Sociale e con il quotidiano Roma per le pagine della Cronaca. Collabora con la rivista Comunicare Il Sociale.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER