Giovedì, 18 Aprile 2024

Ferdinando: successo per il dramma della solitudine di Ruccello

È un dramma medio borghese delle ambiguità il Ferdinando di Annibale Ruccello che Arturo Cirillo ha messo in scena con successo al Teatro Bellino di Napoli (fino a domenica 17 dicembre 2023). Ambientata nell’ex regno delle due Sicilie, la piéce vede protagonista un terzetto pervaso dalla solitudine, dove l’amore, come la classe sociale, è un’entità confusa e sospesa tra imbroglio e nostalgia.

Assisa nel letto come se fosse su un trono, la baronessa borbonica Donna Clotilde dispensa veleno a destra e a manca. I suoi bersagli preferiti sono Gesualda, la cugina povera e zitella che le fa da badante, e Don Catellino, il prete di famiglia che è anche il suo amante.

Mentre i giorni passano uguali gli uni agli altri, tra i flussi di parole sopra le righe di Donna Clotilde e la relazione segreta tra il prete e l’assistente, arriva da un paesino dell’ex Regno il sedicenne Ferdinando nipote alla lontana di Donna Clotilde, rimasto orfano. Ed ecco che, all’improvviso, la stanza delle solitudini incrociate diventa quella di un quadrilatero amoroso, dove Ferdinando, tutt’altro che efebico e ingenuo, diventa l’amante della nobildonna, della cugina infermiera e persino del prete.

La stanza claustrofobica degli incontri e dei dialoghi diventa lo spazio fisico e immaginario della lussuria, che Cirillo (nei panni egli stesso di Don Catellino, ruolo che interpretò anche Ruccello) amplifica sotto l’aspetto deforme e sarcastico, quasi a volerci far vedere fino a che punto può spingersi la dipendenza affettiva, l’annullamento amoroso. Sabrina Scuccimarra è una straordinaria Clotilde, una gigante del palcoscenico soprattutto per l’uso, tagliente e mirato, della parola,  e Anna Rita Vitolo è perfetta nei panni di Gesualda. Cirillo rende il suo Don Catellino più fragile che ambiguo e viscido, e Riccardo Ciccarelli è un Ferdinando spietato, poco efebico e molto fisico.

Nel complesso, questo Ferdinando convince, a ragion veduta, il pubblico del Bellini, abituato alla trasgressione, anche sotto forma di melodramma partenopeo.

Ferdinando successo per il dramma della solitudine di Ruccello 1

Ida Palisi
Author: Ida Palisi
Giornalista professionista, esperta di comunicazione sociale, dirige l’Ufficio Comunicazione Gesco. Collabora con il Corriere del Mezzogiorno per le pagine della Cultura.

Pin It
Image


CHI SIAMO

Napoliclick è un portale quotidiano di informazione sociale e culturale pubblicato dalla cooperativa Nclick.

DOVE SIAMO

Sede centrale:
Presso Gesco - Gruppo di Imprese Sociali
Via Vicinale S. Maria del Pianto, 36 complesso polifunzionale Inail
Torre 1, 9° piano - 80143 Napoli
ISCRIZIONE NEWSLETTER